Prenota direttamente la Tua camera dal nostro sito web per la miglior tariffa garantita

 

San Giovanni degli Eremiti e Casa Professa

San Giovanni degli Eremiti e Casa Professa

Alla scoperta delle chiese del centro storico di Palermo

San Giovanni degli Eremiti

San Giovanni degli Eremiti è una chiesa di origine normanna idealmente collocata sul letto del fiume Kemonia, ormai interrato, che delimitava il confine est dell’antica paleapoli punica. La Chiesa del Gesù, conosciuta come Casa Professa, è un gioiello barocco dalle forme sontuose, tipiche dello stile artistico di fine ‘500.

Una passeggiata tra lo stile arabo-normanno e il barocco di Palermo con Il Giardino di Ballarò

Come per altre opere realizzate sotto il regno normanno, la struttura pensata per funzioni cristiane si adatta ad un precedente edificio a forma quadrata di origine musulmana del X secolo, probabilmente una moschea, di cui rimangono visibili alcune parti nella struttura che si sviluppa a destra dell’abside e nel chiostro interno, simile nella struttura a quello del Duomo di Monreale.

Le cinque semisfere che si trovano sul tetto, precedentemente di colore bianco e solo dopo dipinte di rosso, ricordano le architetture islamiche tipiche di Palermo e conferiscono un aspetto caratteristico alla costruzione, realizzata con linee geometriche rigorose e proporzioni armoniche.

Accanto alla Chiesa di San Giovanni degli Eremiti si trova la Chiesa di San Giorgio in Kemonia, di origine ottocentesca, annessa al convento dei Padri Benedettini Bianchi, che si distinguevano dai vicini Neri per via del colore delle tuniche indossate.
Costruita in prossimità di un convento nel 1148 per volontà di Ruggero II, che già nel 1136 aveva affidato l’antico monastero fondato nel VI secolo da Gregorio Magno, e dedicato a S. Ermete, ai Padri Benedettini di Monreale, detti Neri, per dare lustro ad un luogo importante per via della vicinanza con Palazzo dei Normanni.

Casa Professa

La Chiesa del Gesù, conosciuta come Casa Professa, è un gioiello barocco dalle forme sontuose, tipiche dello stile artistico di fine ‘500, quando ai Gesuiti giunti in città a seguito del viceré spagnolo venne affidata la realizzazione di una chiesa che rappresentasse il potere e l’importanza dell’ordine religioso in città.

La chiesa venne edificata tra il 1564 e il 1663 su una piccola altura naturale, ricca di grotte e in prossimità del fiume Kemonia, già luogo di culto all’arrivo dei Gesuiti, che adattarono la struttura di un complesso religioso realizzando un edificio unico nel suo genere in Sicilia.
La chiesa fa parte del complesso detto Casa Professa dei Gesuiti, che comprende anche un chiostro colonnato, oggi l’atrio della Biblioteca Comunale e l’Oratorio del Sabato, riccamente decorato da stucchi bianchi realizzati da Procopio Serpotta.

 

Il B&B Il Giardino di Ballarò è vicino San Giovanni degli Eremiti 

La Chiesa di San Giovanni degli Eremiti dista poco più di 5 minuti di strada a piedi dalla nostra struttura per raggiungerla basta percorrere tutta Via Porta di Castro, la strada in cui si trova il nostro bed and breakfast, e risalire per circa 100 metri Via dei Benedettini. In quest’ultimo tratto è anche possibile visitare la Chiesa di San Giorgio in Kemonia.