Prenota direttamente la Tua camera dal nostro sito web per la miglior tariffa garantita

 

Palazzo Reale e Cappella Palatina

La Palermo dei Re

Alla scoperta del Palazzo Reale e della Cappella Palatina

Il Palazzo Reale e Cappella di San Pietro

Il Palazzo Reale o Palazzo dei Normanni sorge nel nucleo più antico della città punica e romana, conosciuto con il nome arabo al- Halqah, la Galca. Costruito in stile fatimida intorno al X secolo dagli emiri arabi che ne fecero la prima sede delle attività amministrative, il castello reale, in arabo Qasr, dette il nome al quartiere circostante e alla strada principale, il Cassaro (attuale via Vittorio Emanuele).

Trionfo dell’arte arabo-normanna

Nel 1072 divenne residenza reale dei sovrani normanni, che all’antica costruzione affiancarono fabbriche manifatturiere e nuovi edifici, tra cui il gruppo di quattro torri che formavano gli appartamenti reali e la Cappella Palatina, non più visibile dall’esterno per via dei successivi interventi del XVI e XVII secolo. In età sveva, ospitò la famosa Scuola Poetica Siciliana voluta da Federico II.

Dal 1947 è sede dell’Assemblea Regionale Siciliana, il più antico Parlamento europeo istituito da re Ruggero nel 1140. Al suo interno si trovano la Sala d’Ercole, dove si riunisce il Parlamento regionale, il Cortile del viceré Maqueda, il Cortile della Fontana, su cui si affaccia la Cappella Palatina e le torri Gioaria e Pisana, dove nel 1801 l’astronomo Giuseppe Piazzi, l’autore della meridiana presente nella Cattedrale, scoprì l’asteroide Cerere.

La Cappella Palatina

La Cappella di San Pietro, nota come Cappella Palatina, risale al 1130, anno dell’incoronazione di re Ruggero, che volle farne il simbolo della potenza cristiana sull’isola. Costruita secondo le regole della qubba islamica, di forma quadrata, ha una struttura latina a tre navate, sormontate da soffitti a struttura alveolare in legno decorato, detti muqarnas, realizzate da artisti nord africani sul modello dell’iconografia profana islamica.

La Cappella Palatina è famosa per i mosaici di cui è interamente rivestita, che rappresentano scene di vita cristiana con evidente funzione didattica di richiamo all’ortodossia e alla dominazione normanna. Il mosaico più famoso è quello del Cristo Pantocratore della cupola, presente anche nel Duomo di Monreale e di Cefalù, realizzato da maestranze bizantine e artigiani formati a Costantinopoli. L’ingresso turistico è su Piazza Indipendenza ed è previsto il pagamento di un biglietto di ingresso.

 

Il B&B Il Giardino di Ballarò e vicino il Palazzo Reale di Palermo 

Palazzo Reale dista solo 550 metri dal B&B “Il Giardino di Ballarò”. Percorrendo tutta Via Porta di Castro, la strada in cui si trova il nostro bed and breakfast, si arriva direttamente a Piazza della Pinta, dalla quale è già possibile ammirare Palazzo Reale, per poi arrivare a Piazza Indipendenza, in cui si trova l’ingresso turistico.